Ciao a tutte!

Giravo come al solito sul web alla ricerca di spunti per un nuovo articolo ed ecco che mi imbatto in uno studio pubblicato sul The British Journal of Dermatology dal titolo “Sebum Output as a Factor Contributing to the Size of Facial Pores”. Articolo davvero interessante in cui si parla dei pori e delle cause che possono provocarne la dilatazione. Gran bell’argomento di cui parlare visto anche le numerose domande che mi sono state poste su prodotti astringenti o che possono ovviare al problema dei pori dilatati. Allora iniziamo!pori

Cosa sono i pori? Semplicemente l’orifizio esterno delle ghiandole sebacee e delle ghiandole sudoripare. Permettono la fuoriuscita di sebo e sudore e la loro dimensione è collegate a cause endogene più che esogene. Lo studio eseguito e descritto nell’articolo che ho citato dimostra che le dimensioni dei pori sono collegate principalmente a 3 fattori: quantità di sebo prodotto e quindi escreto, età e sesso. Inoltre è stato dimostrato come dei cambiamenti ormonali transitori, che nelle donne è corrisposto alla fase ovulatoria (ve ne parlerò in seguito), possa concludersi in un aumento della dimensione dei pori e della quantità di sebo prodotto.

Lo studio in questione ha prodotto risultati scientificamente interessanti (vi lascio qui il link per chi fosse interessato) ma soprattutto quello che ho sempre creduto mi è stato confermato dagli studi letti: la quantità di sebo e la struttura della pelle sono influenzate da fattori genetici, fisiologici ed ambientali più che dall’utilizzo di un cosmetico o dalla presenza dell’ingrediente X nel cosmetico stesso.

Vien da sé la facile conclusione che per ovviare al problema dei pori dilatati non basta utilizzare un cosmetico piuttosto che l’altro o eliminare tutti quei prodotti che contengono la sostanza “tal dei tali” che viene additata come la principale causa di occlusione e di dilatazione dei pori.

Basta pensare che, soprattutto in noi donne, è il fattore ormonale a giocare un ruolo chiave. Guardate questi risultati:tabella ciclo mestruale jpg

la tabella mostra come sia la quantità di sebo prodotto che la dimensione dei pori varia in modo considerevole in base al ciclo mestruale con un picco netto durante la fase ovulatoria. Questo a ricordarci che quello che noi possiamo fare dall’esterno (a livello cosmetico) non può che avere solo un ruolo marginale rispetto all’influenza che il nostro organismo ha sulla nostra pelle.

La domanda sorge spontanea: ma esiste qualcosa che può davvero diminuire la dimensione dei pori?

Esistono dei cosmetici dalle proprietà astringenti ma che possono avere un effetto solo temporaneo. A livello cosmetologico l’effetto astringente è possibile ottenerlo percorrendo varie strade:

  • Utilizzando l’azione vasocostrittrice del freddo (lavare il viso con acqua fredda avrà sicuramente un effetto temporaneo nella diminuzione del diametro dei pori).
  • Utilizzando prodotti leggermente acidi, un tonico ad esempio, tenendo conto delle piccole accortezze di cui vi ho parlato nell’articolo dedicato al tonico (potete trovarlo qui).
  • Utilizzando cosmetici che contengano delle sostanze funzionali astringenti (polifenoli, tannini, saponine, cationi metallici) che riescono, con meccanismi diversi, a contrarre le strutture proteiche presenti nella pelle.



Farmacia Loreto Image Banner 728 x 90

Viene da sé anche affermare che pori di dimensioni maggiori permettano anche una maggiore fuoriuscita di sebo. È tipico quindi che persone con una pelle più oleosa lamentino anche una maggiore dilatazione dei pori.

Quindi per rispondere brevemente alle domande più frequenti:

Non credo che basti eliminare un cosmetico per ovviare al problema dei pori dilatati e non credo neanche che una sola sostanza possa essere la causa di tale problema; non credo che esista un prodotto cosmetico che possa diminuire in modo permanente la dimensione dei pori ma credo che cosmetici con azione astringente possano dare un buon risultato. Resta inalterata la mia convinzione personale che una corretta skin care routine ed una rimozione perfetta del make up sia utile per mantenere una pelle “bella e sana” come ho già detto in precedenza.

Credo di aver detto tutto!

Kiss, Marina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *