Ciao a tutte!

Gli scambi di opinione con voi sono sempre molto belli, mi permettono di pormi domande e di cercare di darvi, per quanto mi sia possibile, sempre delle risposte corrette. Spesso la risposta ce l’ho già, altrettanto spesso invece ricorro ai libri per accertarmi che quello che sto per dire corrisponda alla realtà dei fatti. Tutto questo preambolo per dirvi che ancora una volta sono andata ad approfondire le mie conoscenze su SPF e protezione solare, ma questa volta dal punto di vista del make up.

Ci propongono fondotinta con SPF tra i più disparati (con protezione 6, 10, 15), a volte anche in polvere (peggio mi sento 😜) fino ad arrivare alle ciprie o alle terra con protezione solare. E noi lì a stenderci quel prodotto pensando che la nostra pelle sia, in un modo o nell’altro, abbastanza protetta.

Io non sono una di quelle persone che si scaglia contro il marketing, anzi ritengo che giochi un ruolo importante nella nostra vita di “makeup addicted”, ma quando si parla di sicurezza i capelli un po’ mi si drizzano.

Per approfondire voglio riportarvi qualche dato:

  • La quantità di cosmetico “solare” che bisogna applicate sulla pelle affinché il prodotto abbia la protezione indicata sulla sua etichetta è di 2 mg/cm². Indicativamente, da alcuni test, è emerso che quello che in genere applichiamo è una quantità che si aggira intorno ai 0,5 mg/cm² (un quarto del prodotto che in realtà sarebbe necessario).
  • Facendo una piccola stima si deduce che per protegge la pelle esposta dovremmo utilizzare circa 30 g di prodotto ad ogni applicazione per permettere ad un cosmetico con SPF 30 (ad esempio) di darci la protezione che promette.

E questi sono i numeri di cui si tiene conto per una normale crema solare. Proviamo allora a riportare questi dati al nostro comune fondotinta. Quanto ne dovremmo applicare per far sì che ci protegga? Immaginate l’effetto finale sul viso?

Quella goccia di prodotto che applichiamo sfumandola e tirandola alla perfezione con spugnetta, dita, pennelli, che capacità avrà alla fine di proteggere la nostra pelle?

E se parliamo di prodotti in polvere? Provate a pensare al risultato finale che un bello strato di cipria ci darà… altro che effetto polveroso. Sarebbe come romperci un sacchetto di farina sul viso.

Possiamo quindi dire, con assoluta sincerità, che l’SPF di questa tipologia di prodotti lascia un po’ il tempo che trova.

Allora cosa fare? La soluzione migliore a mio avviso è quella di tenere separati i due prodotti. Abbiamo bisogno di proteggerci dal sole? Applichiamo una crema con SPF nata con questo scopo. Aggiungo una cosa in più: quando mi è possibile acquisto sempre dei fondotinta che non contengano protezione solare.

Perché? Senza addentrarci in dei discorsi che sarebbero chimicamente impegnativi, basta sapere che se applico una crema con SPF 30 e sopra un fondotinta con SPF 15 la protezione dei due non si somma. Si suppone che probabilmente la protezione che resta sia la più alta delle due ma non sempre è così. Parliamo di molecole chimiche che possono reagire tra loro ed io preferisco che non lo facciano.

Un discordo diverso va fatto per le BB cream (non tutte 😜), in questo caso parliamo di prodotti appositamente studiati per essere colorati, spesso idratanti e con un SPF alto. Vista la minore coprenza che hanno, di questi prodotti se ne riesce ad applicare una quantità più vicina a quella che sarebbe idonea per proteggere la pelle. La trovo una soluzione ottimale soprattutto nel periodo primaverile perché in un unico prodotto abbiamo tutto quello che può servirci.

Una delle mie preferite è la Capital Dry Touch BB di Vichy, ha spf 50 ed un colore che riesce ad adattarsi bene alla mia pelle. Mi capita di applicarla da sola o subito dopo un siero idratante.

Anche per oggi possiamo concludere qui. E voi come vi comportate in questi casi? Applicate due prodotti diversi o vi fidate della protezione del fondotinta? Fatemi sapere!

Kiss, Marina

4 comments on “SPF del fondotinta? (molto spesso) Inutile!”

  1. Tempismo perfetto per il tuo articolo in questi giorni di sole tremendo (non mi piace, tendo al vampirismo eheh), grazie!
    Io per il momento uso una bb cream con fattore 30 (il gel Bareminerals è fantastico!) e come te non scelgo cosmetici con ulteriore spf.
    Mi pongo pero’ il problema di rinnovare la protezione durante il giorno, quante ore potrà mai durare quella applicata al mattino?
    Mi piacerebbe trovare uno spray viso da usare durante il giorno e tenere in borsa, quello di LRP l’ho escluso perché contiene profumo. Ne conosci?
    In estate invece passo al solare 50+ vero e proprio, tuttavia la mia pelle non lo tollera benissimo, forse sono per forza di cose prodotti occludenti, quindi mi si formano bollicine, grani di miglio e minuscoli brufoletti sottopelle. In ogni caso con una pelle chiarissima non posso farne a meno (ed esteticamente mi piace mantenere il contrasto con capelli scuri e occhi ghiaccio).
    Tu non riscontri problemi usando i solari per un periodo prolungato?
    Grazie! Lara

    • Ciao Lara! Sono felice che il mio articolo sia stato utile. In effetti quello di rinnovare la protezione è un bel problema. Utilizzo lo spray LRP di cui hai parlato anche tu e mi trovo bene (per fortuna non ho problemi di allergia al profumo). Ho visto che ne è appena uscita una versione della Garnier ma non ho letto l’INCI. Temo che il profumo ci sia sicuramente. In alternativa metto in borsa uno stick con SPF e lo applico nelle zone più delicate a metà giornata (labbra, contorno occhi). Per i brufoletti sottopelle io proverei con qualche prodotto diverso, un cosmetico non dovrebbe dare questo tipo di reazione. Ti succede con un solo prodotto o con vari tipi?

      • Bella idea quella dello stick solare, ho controllato e LRP ne fa uno per fortuna senza profumo.
        Sì purtroppo l’uso prolungato dei solari mi causa piccoli inestetismi, non proprio reazioni allergiche. In passato sono stata fotosensibile (a causa di terapie mediche) e credo di essermi in qualche modo sensibilizzata ai filtri, mah! Anche con la dermatologa non siamo arrivate ad una soluzione, dice che ho una pelle in ‘equilibrio precario’.
        Ho notato che i grani di miglio sono scomparsi usando la spazzola tipo Clarisonic, chissà se quest’estate mi sarà utile.
        Grazie mille per la risposta, sei sempre di grande aiuto!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *